DAI PRODOTTI ALLE SOLUZIONI,

 TRAMITE I SERVIZI

 

2014

 

 

Top News

Partner

By

Qualified Partner Identec Solutions
Distribution Partner


Distribution Partner


Distribution Partner


Distribution Partner


Distribution Partner


RFID Specialist Partner


Gold Certified Partner


RFID partners network

Associati

Lab#ID, laboratorio RFId dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC
 


 

Copyright © 2002-2010 
SOFTWORK srl
All rights reserved.

 

di RICCARDO STAGLIANO
Lunedì 11 agosto 2003
 La Repubblica, pagina 25

Il direttore di un' azienda italiana che produce chip 
Le useremo dappertutto non solo nei supermercati
Ristoranti, alberghi, ospedali: le applicazioni sono infinite

ROMA - Sono più grossi, più cari e ancora lontani dagli scaffali dei supermercati ma gli "Rfid" esistono anche in Italia.

Visualizza l'articolo originaleI su La RebubblicaLa
Softwork, società bresciana specializzata nell' identificazione automatica (www.rf-id.it), li usa da tempo per una vasta serie di compiti. «Un settore in cui li stiamo testando con crescente successo - spiega il direttore generale Cesare Ferro - è quello delle lavanderie industriali che noleggiano il cosiddetto bianco (tovaglie, lenzuola e così via) a ristoranti, alberghi e ospedali. Il problema è che molta di questa roba non rientra alla sede e sarebbe assai difficile e laborioso impiegare delle persone per controllare che nei grossi sacchi di plastica in cui viene restituita ci sia esattamente il numero di capi prestati».
E qui entrano in gioco gli smart tag. «Inserendone di resistenti all' acqua e agli acidi all' interno delle cuciture - racconta Ferro - chi fa il prelievo può, se dotato del lettore giusto (una specie di metal detector da passare sopra il sacco o piazzato sul portello del furgoncino che ritira la merce), rilevare al volo il numero esatto e le caratteristiche di ciò che viene restituito». Una decina di lavanderie, per il momento nel nord Italia, stanno facendo il test: «La contestazione dei pezzi mancanti può essere fatta subito o successivamente, ma la scansione elettronica fa comunque fede. E, a sentire i clienti, i risultati sono molto soddisfacenti». Un altro utilizzo è quello nella gestione del magazzino di certe aziende. «Una grossa produttrice di moquette - esemplifica ancora l' imprenditore bresciano - aveva il problema di come movimentare grossi rotoli incellofanati e stoccati su scaffali alti anche più di 9 metri. Il codice a barre, in quel caso, funzionava male: era sempre difficoltoso trovare il punto esatto dove finiva, i carrellisti dovevano arrampicarsi sugli scaffali, cercare di girare il pesante rotolo sino a quando non si scovava l' etichetta. Insomma, si perdeva un sacco di tempo. Adesso, introducendo gli smart tag e montando su lunghe lance fissate ai muletti gli appositi lettori, basta passarle vicine al rotolo e l' identificazione avviene subito e si può procedere così alla spedizione». Nell' attesa che i costi e le dimensioni si riducano, quindi, i tag si allenano nei magazzini prima del salto nei «grandi magazzini». (r. sta.)


Articolo Correlato:

Invisibili e intelligenti, anche troppo ecco le etichette venute dal futuro


Seguici su LinkedIn


Prossimo Seminario
RFID Global

Eventi

Milano, 13 novembre 2013


Torino, 26-27 sett. 2013


Milano, 13 marzo 2013

Tirana – Albania,
 4 dicembre 2012

Milano,
 14 novembre 2012


RFID alive. Milano
17-19 ottobre 2012


Milano
25 ottobre 2012


Verona Fiere
25 ottobre 2012


Torino
27-28 settembre 2012

Partner & Media


 

Siamo sull’Almanacco della distribuzione informatica di Computer Dealer&Var

 

RFID Global by Softwork SrL - Via Zanardelli, 13/A - 25062 Concesio (BS), Italy - P.IVA  02118770177 - Contatti